NON C'E' 2 SENZA ...TERZA SCRITTRICE !!! PDF Stampa E-mail
Forse con un poco di ritardo ...ma ecco a voi la "storia" del Campo Invernale vista con gli occhi di Isabella. A guardar bene...quante cose abbiamo fatto..!!!
Ciao a tutti!!!!!!!!!
Mi chiamo Isabella e sono una lupetta della muta dei rossi.
Vorrei raccontarvi il mio campo invernale.
Siamo andati a Ligonchio in provincia di Reggio Emilia.  
Per arrivarci siamo dovuti stare 3 ore in pullman, ma alla fine siamo arrivati.
Dopo aver sistemato i nostri bagagli abbiamo giocato ad un gioco bellissimo: ogni muta doveva costruire un “castello” di ghiaccio e nasconderci dentro una pallina di plastica.
Lo scopo del gioco era prendere la pallina nascosta nei castelli degli altri, poi bisognava portarla a Baghi.
Le mute erano divise in attaccanti, che dovevano cercare di rubare la pallina negli altri castelli e difensori, che dovevano proteggere il castello della propria muta. Per difenderlo bisognava tirare palle di neve contro gli avversari, però anche gli attaccanti potevano tirare palle di neve, ma quando qualcuno veniva colpito 3 volte doveva andare da Baghi che gli faceva una domanda; se rispondeva esattaamente poteva continuare a giocare, altrimenti Baghi faceva un’ altra domanda.
Finito questo gioco abbiamo giocato a battaglia navale.
Però non era una semplice battaglia navale: le navi erano disposte anche a croce, quando si trovava una nave, per affondarla bisognava rispondere a una domanda, le navi erano anche da 1, le mute avevano 2 possibilità e la muta che affondava aveva 2 punti. Tutti i "colpi" erano riportati su un enorme cartellone
Dopo queste e altre bellissime attività è arrivata sera, e dopo alcuni canti abbiamo continuato a giocare a battaglia navale.
Il giorno dopo al mattino abbiamo fatto la pista tracce che è il mio gioco preferito.
La pista tracce consiste nel camminare lungo un percorso seguendo le tracce (pezzi di corda rossi e bianchi e pezzi di cartoncino colorato con disegnati vari simboli) che i Vecchi Lupi avevano piazzato lungo il percorso.
Ogni muta seguendo le frecce doveva trovare una busta su cui c’era scritto il proprio nome.
Questa volta però prima di partire le mute dovevano completare vari puzzle e per partire bisognava trovare una figura fatta con le ghiande.
Dentro la busta c’era un foglio su cui c’erano scritte alcune domande e 2 consegne: la prima era fare un disegno che rappresentasse una parte del percorso della pista tracce, mentre la seconda era costruire una barella utilizzando 2 maglioni, 2 guidoni e 2 foulard.
Dopo pranzo sono iniziate le
A-T-L cioè le attività tempo libero.
Dopo le A-T-L abbiamo fatto le lupettiadi che erano le olimpiadi di noi lupetti.
Eravamo divisi in 5 squadre: la muta rossa era la Russia, i grigi erano gli USA, i bruni la Spagna, i neri l’Australia e i fulvi il Congo.
Alle lupettiadi abbiamo giocato al salto in lungo, al lancio del peso e il salto in alto.
Alla sera dopo le lupettiadi abbiamo giocato a battaglia navale.
Alla mattina del terzo giorno abbiamo giocato a divertentissimi giochi .
Al pomeriggio abbiamo fatto un gioco in cui Akela faceva una domanda e un componente della muta doveva correre a toccare il muro.
Il primo che toccava il muro poteva rispondere per primo e se sbagliava toccava a il secondo che aveva toccato il muro.
Dopo un po’ di domande mi successe una cosa sgradevole: mentre correvo verso il muro inciampai o scivolai, finii di faccia contro il muro e mi spezzai a metà l’incisivo sinistro.
Dopo questo brutto incidente abbiamo fatto l’attività manuale: i Vecchi Lupi ci davano delle “figure” di legno, e noi dovevamo colorarle.
Alla sera dopo battaglia navale i vecchi lupi ci hanno detto: “Se non mettete l’oggetto giusto la befana non arriva”.
Infatti alla mattina trovammo le calze che avevamo messo piene di dolci (alla fine si è scoperto che la befana erano i vecchi lupi!!!!!!!!!!)
Purtroppo a causa del mio dente me ne andai via un giorno prima, però seppì che alla mattina fecero la caccia al tesoro e al pomeriggio le capacità. Visto che come capacità c’era animatore, dei lupetti fecero uno spettacolo di magia, mentre il reparto fece lo spettacolo di Shrek.
Poi il quinto giorno anche i miei amici tornarono a casa.
Spero che questo articolo vi sia piaciuto.
Ciao!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
 
< Prec.   Pros. >